Protezione Civile

RA – Serramenti blindati e accessori

Caratteristiche generali
Una gamma completa di prodotti e un competente servizio di consulenza, progettazione di nuovi rifugi e equipaggiamento di quelli già esistenti, rinnovamento e risanamento di rifugi pubblici, privati e militari. Sono conformi alle prescrizioni tecniche dell’UFPC per rifugi da 1 a 3 bar.

RA-serramenti-blindati-e-accessori-pag1b RA-serramenti-blindati-e-accessori-pag1c

Esecuzione:
Telaio in angolare da murare.
Anta con armatura in acciaio e profilo di gomma.
Mano d’apertura universale (destra-sinistra).

Fornitura: con antiruggine secondo prescrizioni. Escluso riempimento beton

Porte blindate 20 cm spessore
PT 1: 80 x 185 cm h + soglia fissa 9 cm
PT 2: 100 x 185 cm h + soglia fissa 9 cm
PT 3: 140 x 220 cm h con soglia smontabile. Per questa porta occorre indicare ogni volta la mano di apertura.
PT 4: 60x 120 cm h + soglia fissa 9 cm.

Porte a pressione 10 cm spessore
DT 1: 80 x 185 cm h + soglia fissa 9 cm
DT 2: 100 x 185 cm h + soglia fissa 9 cm
DT 3: 140 x 220 cm h con soglia smontabile. Per questa porta occorre indicare ogni volta la mano di apertura.


 

Porta blindataPorta blindata a 2 ante apribili a vento (1 bar).
PTO: 240 x 210 cm h + soglia fissa 12 cm.
Coperchio blindatoCoperchio blindato 20 cm spessore
PD:
60 x 80 cm h
Tubo di trasmissione incorporato.
coperchio finestraFinestra per coperchio
Dimensioni:
60 x 80 cm h
KF: anta vetrata ribaltabile.
GI: telaio con rete metallica smontabile.
porta scorrevolePareti scorrevoli in beton
PSW:
parete blindata scorrevole da 25 a 35 cm spessore
Dimensioni su richiesta.
Misure luce massime 700 x 240 cm.
Accessori
Dispositivo di autoliberazione
dispositivo
Tubo a spirale flex
tubo a spirale
Scala in metallo, zincata
Scalini in metallo, zincati,
dimensioni 29/29/2 cm.
scalini
Griglie per pozzi luce - zincate.
griglia

 Schede tecniche

erramenti-blindati-pag3-1

 

serramenti-blindati-pag3-2

 


Prescrizione di posa per chiusure di rifugi
erramenti-blindati-e-accessori-pag4-1

Questa chiusura permette l’impiego di una normale armatura (1)
I corpi di porta devono essere posati assieme ai quadri e puntellati adeguatamente in posizione verticale nell’armatura (2).
Dapprima si getterà il calcestruzzo delle pareti. Dopo che questo abbia conseguito la dovuta resistenza e compattezza, si potrà procedere al riempimento del corpo di porta, allo stato chiuso.
Spazio di 4 cm tra la porta e la soletta fondo, come pure tra la porta e la soletta di copertura.
Non levare la guarnizione di gomma.
Ufficio federale della protezione civile, Berna

 

Installazioni sanitarie

Contenitore acqua di soccorsoContenitore di acqua di soccorso

3 settimane senza cibo, 3 minuti senz’aria, 3 giorni senz’acqua. Sono questi i limiti massimi della sopravvivenza umana accertati scientificamente. Queste cifre dimostrano l’enorme importanza dell’acqua come riserva in casi d’emergenza.
II nuovo contenitore d’acqua, perfettamente adeguato alle esigenze, è stato creato dalla POLYPAC. Corrisponde ai requisiti richiesti dall’ UFPC di Berne. Oltre ai suoi particolari vantaggi esso ha una resistenza eccezionale ai colpi e alle cadute (controllato dall’EMPA). Il contenitore d’acqua è disponibile in una pratica scatola d cartone (altezza 68 cm, larghezza 35 cm, profondità 30 cm). Contenuto della scatola: 24 contenitori da 10 litri con chiusura a vite e a rubinetto. Peso della scatola e del contenuto: circa 5,5 kg.
Riempimento dei contenitore: riempire il contenitore d’acqua fino all’orlo. Anche in caso di catastrofe, nel rubinetto c’è ancora abbastanza acqua potabile pulita. Dopo aver fatto uscire tutta l’aria, mettere il tap­po a vite e chiudere bene.
Trasporto e immagazzinaggio: il contenitore con 10 litri di riserva d’acqua può essere trasportato facilmente nel posto protetto previsto. Grazie alla pratica torma a cubo (25 x 25 cm) i contenitori si possono accatastare, in qualsiasi quantità, in qualsiasi posto, occupando uno spazio minimo.
Impiego senza inutili sprechi: con la chiusura a rubinetto incorporata è possibile prendere dai contenitore la quantità desiderata.

 


Sistema di WC a secco
Sistema di WC a secco

L’esecuzione ufficiale dell’Ufficio federale per la Protezione civile.
Comprende il WC propriamente detto e il secchio di deposito per sostanze fecali.
La base comune di questi due elementi è costituita da secchi in materiale sintetico, inscatolabili e accatastabili, chiusi ermeticamente con coperchi.
Il sistema non richiede l’impiego di acqua o di prodotti chimici e, grazie alla sua semplicità, è adatto per circostanze particolari. Un sacchetto per le sostanze fecali, inserito nella vaschetta, viene chiuso dopo l’uso e in seguito deposto nell’apposito secchio munito di un sacco per le sostanze fecali.
Adatto anche per impianti WC! Per sopperire ad eventuali panne nell’erogazione di acqua agli impianti di WC di soccorso.

 


Cabine toilettes
Cabine per toilette

Le cabine per toilette della Marcmetal sono conformi alle prescrizioni tecniche dell’UFPC.
Esecuzione: castello portante in profilo tubolare trattato con polveri elettrostatiche, colore RAL 5010 (Enzianblau) e con giunti a incastro.
Cabine fisse: porte con serratura Libero/ Occupato, pareti e separazioni in laminato da 13 mm.
Cabine smontabili o supplementari: tende, pareti e separazioni in tela Stamoid (V13) colore grigio, con orlo cucito a giorno. Pulizia: le cabine sono in materiale lavabile e disinfettabile.
Montaggio: semplice e veloce con angolari in acciaio zincato.
Numero delle toilette: (vedi tabella della scheda tecnica).
In rifugi fino a 30 posti protetti: la cabina può essere approntata con mezzi di fortuna. L’attrezzatura (TWC) deve essere installata.
In rifugi da 31 a 100 posti protetti: devono essere montate almeno 2 cabine fisse. Le altre cabine (in rifugi da 61 a 100 posti protetti) possono essere smontabili.
In rifugi con più di 100 posti protetti: devono essere montate almeno 3 cabine fisse. Le altre cabine possono essere smontabili.
Le cabine fisse servono da locale per il deposito delle attrezzature, sotto chiave.
Numero e disposizione: secondo «ITRS» e «ITRP» 84.

 

Designazione e numero degli elementi



TC8, 8 pers.
14 kg
570x370x580mm


TC15, 15 pers.
20 kg
570x370x700mm


TC30, 30 pers.
39 kg
740x370x630mm 405x150x595mm
400 x130x480mm
WC30, 30 pers.
37 kg
740x370x630mm 405x150x595mm

Secchio per sostanze fecali con coperchio23664
Vaschetta inseribile

1111
Sedile con coperchio

111
Sostegno anulare applicabile al secchio per sostanze fecali111
Pacchi da 50 sacchetti

8153030
Pacchi da 25 sacchetti

1233

CAB/TC

Cabine per toilette – schede tecniche

CAB--TC-Installazioni-sanitarie-scheda-tecnica-1
CAB--TC-Installazioni-sanitarie-scheda-tecnica-2

 

CAB--TC-Installazioni-sanitarie-scheda-tecnica-2B

VA – Impianti di ventilazione

VA 40, 75, 150 e accessori
Per l’equipaggiamento di nuovi rifugi, di quelli già esistenti, il rinnovamento e il risanamento di rifugi pubblici, privati e militari, esecuzione secondo le prescrizioni dell’UFPC.

ventilazioneDescrizione tecnica
Installazione composta da: ventilatore con ingranaggio di moltiplica e manovella, motore elettrico (tensione normale 3 x 380 volt), dinamo e luce di soccorso, interruttore, mensola, sacco in plastica, filtro antigas con filtro anti-polvere e strato di carbone attivo, recipiente con maniglie, guida di fissaggio al pavimento, sacco in plastica, tubo con misuratore d’aria, valvola a farfalla. Due tubi flessibili con raccordo UFPC, valvola antiesplosione/prefiltro con raccoglitore d’acqua di condensazione, compresa griglietta per presa d’aria e 1 valvola di sovrappressione, materiale di fissaggio compreso.

Montaggio
Di regola il montaggio viene eseguito da parte nostra. Il committente deve occuparsi unicamente delle tubazioni sottomuro per la presa e l’espulsione dell’aria dai tubi che devono arrivare a filo muro.

Elaborazione di progetti
eseguita su richiesta

TipoPersoneErogazioni minime d'ariacon filtrosenza filtro
VA 401340 m³/h80 m³/h
VA 752575 m³/h150 m³/h
VA 15050150 m³/h300 m³/h

VSP/VAE UeV/ESV 40 SSP/VAE
Valvole di sovrappressione e antiesplosione

Misure in cm

ventilazione

Protezione contro gli influssi esterni della pressione e del risucchio, garanzia della sovrappressione prescritta nel rifugio da 50 – 250 Pa.

1 Dimensioni delle valvole di sovrappressione e antiesplosione tipo VSPNAE 40 per aggregati VA 40
2 Dimensioni delle valvole di sovrappressione e antiesplosione tipo VSPNAE 75/150 per aggregati VA 751150

Per ambedue le valvole, montaggio dall’interno del rifugio, su tubi per espulsione d’aria, precedentemente posati nel getto.

3 Esempio di posa su muri interni di valvole con griglietta e paraschegge.

A) Valvola di sovrappressione e antiesplosione VSPNAE.
B) Tubo d’espulsione posato dal committente, il diametro nominale prescritto è di ⌀ 12,5 cm oppure secondo il piano di ventilazione.
C) Griglietta.
D) Piastra paraschegge.

A, C e D vengono posati dal nostro montatore. Per la disposizione delle valvole di sovrappressione e antiesplosione vedi retro.

 


VSP/VAE UeV/ESV 40 SSP/VAE
Prescrizioni di posa per le valvole di sovrappressione e antiesplosione

Misure in cm

ventilazione

Prescrizioni di posa per le valvole di sovrappressione e antiesplosione
4 Disposizione normale, altezza 185 cm dal pavimento finito.
5 Disposizione accanto alla porta blindata.
6 Disposizione sopra la porta blindata.
7 Disposizione di valvole accoppiate o sovrapposte, distanze minime interasse.

ventilazione

Sezione schematica verticale inerente l’altezza prescritta per posa delle valvole di sovrappressione e antiesplosione con chiusa.
8 Rifugio.
9 Chiusa.
10 Impianto di ventilazione.
11 Valvola antiesplosione con prefilitro.
12 Valvola di sovrappressione e antiesplosione.
13 Filtro a gas.


VA 40/75/150
Impianti di ventilazione

misure in cm

vent_03
ventilazione

1 Valvola anti-esplosione/prefiltro VAE/PF
2 Misuratore d’aria
3 Ventilatore con motore e ingranaggio
4 Interruttore elettrico
5 Valvola a farfalla
6 Manovella
7 Condotta di distribuzione d’aria
8 Tubi flessibili con raccordo
9 Guida di fissaggio al pavimento
10 Filtro antigas
11 Tubo d’aspirazione dell’aria fornito e posato dal committente ⌀ 12,5 per VA 40, VA 75 e VA 150
12 Scatola di allacciamento elettrico, a carico del committente
13 Riscaldatore d’aria elettrico, allacciamento a carico del committente
14 Coperchio blindato


VA 40/75/150
Riscaldatore d’aria

misure in cm

riscaldatore d'aria

Impiego
I riscaldatori d’aria, elettrici o ad acqua, servono al riscaldamento dei locali di rifugio qualora questi ultimi vengano utilizzati, in tempo di pace, quali depositi di materiali, locali di essiccazione, ecc.

Riscaldatore d’aria elettrico
Involucro in tubo zincato con manicotto DN 12,5. Scatola di raccordo con coperchio e premistoppa, elemento riscaldante cablato e ermetico, termostati di regolazione e di sicurezza cablati. Il riscaldatore viene montato sulla tubazione di diramazione dell’aria, dopo l’apparecchio di ventilazione. L’interruttore esterno e l’allacciamento sono a carico del committente ed eseguiti in modo tale che il riscaldatore si inserisca solo quando il ventilatore è in funzione. (Vedere schema elettrico pag. S.60.032).

Dati tecnici  
Rendimento calorico1,5 kW3 kW
Tensione di servizio380 V380 V
Per impianto di ventilazione tipoVA 40/75VA 150

VA 40/75/150
Impianti di ventilazione – schema dell’impianto elettrico

schema elettrico

1 Installazione normale per 380 V Fornito da Marcmetal SA
m1. Apparecchiatura di ventilazione 380 VA 0,64A, 0,24 kW, 2800 G/min
b1.1. Interruttore di servizio sul ventilatore
u1. Riscaldatore d’aria elettrico 380 V 3 kW BA oppure 1,5 kW 4 A Il riscaldatore d’aria può essere inserito solo quando il ventilatore è in funzione.
f1. Termostato di regolazione
f3. Termostato di sicurezza

Fornito dal committente
e4. Fusibile
b1.2. Interruttore di servizio

2 Allacciamento alla corrente monofase di 220 V Fornito da Marcmetal SA
m1. Apparecchiatura di ventilazione 220 VΔ 1,64 A, 0,24 kW, 2800 G/min.
b1. Interruttore di servizio sul ventilatore k1 Condensatore 16 µF

Fornito dal committente
e4. Fusibile

Le installazioni elettriche devono rispettare le prescrizioni locali.
I motori degli impianti che vengono usati per la ventilazione dei locali in tempo di pace devono essere muniti di una protezione termica. (Schema sul retro).

schema elettrico

Allacciamento alla corrente trifase di 380 V, con protezione termica del motore Fornito da Marcmetal SA ml
Apparecchiatura di ventilazione 380 V 0,64A, 0,24 kW, 2800 G/min
u1. Riscaldatore d’aria elettrico 380 V 3 kW 8 A oppure 1,5 kW 4 A Il riscaldatore d’aria può essere inserito solo quando il ventilatore è in funzione.
f1. Termostato di regolazione
f3. Termostato di sicurezza

Fornito dal committente
b1. Interruttore di servizio
b4. Interruttore di selezione
c1. Teleruttore
c2. Teleruttore
d4. Orologio con giornaliera
e1. Termico
e3. Fusibile
f9. Termostato d’ambiente
h1. Spia di servizio
h2. Spia di disturbo

Le installazioni elettriche devono rispettare le prescrizioni locali.

Letto Tipo N 91 

La protezione civile: un settore del quale ci occupiamo dal 1953. Praticamente dalla sua nascita nella Confederazione. L’esperienza maturata ci permette di offrire una gamma completa di prodotti quali serramenti blindati, impianti di ventilazione e arredamento e un competente servizio di consulenza, progettazione di nuovi rifugi e equipaggiamento di quelli già esistenti, rinnovamento e risanamento di rifugi pubblici, privati e militari. (secondo UFPC-TWE).

lettiniEsecuzione
• Costruzione accatastabile in tubolare di acciaio.
• Verniciatura con polveri elettrostatiche, colore RAL 1034 (Pastellgelb).
• Posto letto in telo verde difficilmente infiammabile (V3), resistente allo strappo e all’usura, disinfettabile e permeabile all’aria.
• Quale alternativa è possibile utilizzare un pannello in legno trattato CH 10 per l’impiego quale scaffalatura.

Caratteristiche
• Una creazione unica nel suo genere che, grazie al nostro sistema a incastro brevettato permette di eliminare tutti i rischi causati dai cordoni di saldatura.
• Montaggio e smontaggio veloce eseguito da una sola persona e senza impiego di utensili (senza viti, spine).
• Risparmio sulla pianificazione.
• Formazione dei blocchi (laterali e/o frontali) rapida.

Imballaggio 
• Impermeabile e compatto (dim. cm 21x185x9).
• Ogni imballaggio contiene la lista dei pezzi e le istruzioni di montaggio.
• Peso con telo- 37 kg.
• Con asse in legno: 50 kg.

 


 Tipo N 91
Letto accatastabile e scaffalatura – scheda tecnica

scheda tecnica lettini

Letto accatastabile – immagazzinaggio

Lettini_scheda_02

Ingombro per 51 posti protetti


 

Istruzioni di montaggio

Lettini_scheda_3

Lettini_scheda_4

Tipo N 91
Istruzioni di montaggio
montaggio 01
1. Infilare i longheroni 2 negli orli del telo 6 (incollatura verso il basso) N.B. per i lettini con ripiani in legno iniziare dalla fase 2.
montaggio 02
2. Assemblaggio dei frontali - Unire la traversa 3 con il montante angolare 1.
Infilare la graffa 4 (foro verso l'alto) e bloccare con il cuneo 5.
montaggio 03
3. Unire i longheroni muniti di telo (fase 1) con i frontali (fase 2) (Procedimento come alla fase 2).
montaggio 04
4. Fissare definitivamente battendo leggermente sui cunei 5 con l'aiuto di un martello.
Se necessario posare i ripiani in legno 10 sul castello.
montaggio 05
5. Formazione dei blocchi.
Affiancare i lettini come indicato sul piano per l'arredo del rifugio.
Congiungere inserendo il cavallotto 9 (al centro).
montaggio 06
6. Sicurezze. I lettini singoli o uniti frontalmente devono essere muniti del dispositivo di antiribaltamento
8. Applicare piedini in PVC
7 Opzioni: applicare sponda di sicurezza 11, piolo12, ganci appendi abiti 13.